4.4. La finestra di dialogo modelli

Figura 15.71. La finestra di dialogo modelli

La finestra di dialogo modelli

I modelli sono esempi di immagini utilizzabili nella creazione di nuove immagini. GIMP offre molti modelli predefiniti oltre alla possibilità di crearne di nuovi personalizzati. Quando si crea una nuova immagine, si accede all'elenco dei modelli, senza però la possibilità di modificarli. La finestra di dialogo «Modelli» permette la gestione di questi modelli di immagine.

4.4.1. Attivazione della finestra

La finestra di dialogo «Modelli» è una finestra agganciabile; vedere la sezione Finestre agganciabili per un aiuto su come gestire questo tipo di finestre.

È accessibile:

  • dal menu della finestra dell'immagine: FinestrePannelli agganciabiliModelli.

  • da un menu scheda di un qualsiasi pannello agganciabile facendo clic su e selezionando Aggiungi schedaModelli,

4.4.2. Uso della finestra modelli

Il modello si seleziona facendo clic sull'icona corrispondente. Il tasto destro del mouse rivela invece un menu che offre le stesse funzioni dei pulsanti.

4.4.2.1. Modalità griglia/elenco

Nel menu scheda per la finestra «Modelli», è possibile scegliere tra Mostra come elenco e Mostra come griglia. In modalità griglia, i modelli sono disposti in un insieme rettangolare di icone identiche (a meno che non gli sia dato un'icona particolare, come vedremo in seguito) e viene mostrato solo il nome del modello selezionato. In modalità elenco, i modelli sono allineati verticalmente in una lista e le icone sono anch'esse identiche ma questa volta tutti i nomi sono visualizzati.

In questo menu scheda, l'opzione Dimensione anteprima permette di cambiare la dimensione delle miniature.

[Suggerimento] Suggerimento

Ctrl+F in una vista a elenco apre una casella di ricerca. Vedere Mostra come elenco; Mostra come griglia

4.4.2.2. Pulsanti alla base

I pulsanti sul fondo della finestra permettono di operare sui modelli in diversi modi:

Crea una nuova immagine dal modello selezionato

Facendo clic su questo pulsante si apre la finestra Crea una nuova immagine selezionata sul modello scelto.

Crea un nuovo modello

Facendo clic su questo pulsante apre la finestra Nuovo modello, identica alla finestra di modifica del modello, che vedremo tra poco.

Duplica il modello selezionato

Facendo clic su questo pulsante si apre la finestra di modifica dei modelli che andremo a studiare adesso.

Modifica il modello selezionato

Facendo clic su questo pulsante si apre la finestra Modifica modello.

Rimuovi il modello selezionato

Indovina?

[Suggerimento] Suggerimento

Tutti i modelli sono memorizzati in un file templaterc presente nella directory personale di GIMP. Se si desidera recuperare dei modelli cancellati, si può copiare o attaccare in fondo al proprio file personale le voci dei modelli desiderate prelevandole dal file templaterc principale presente nella directory etc/gimp/2.0 della cartella di sistema di GIMP.

4.4.3. Modifica modello

Figura 15.72. La finestra modifica modello

La finestra modifica modello

Questa finestra permette di impostare le specifiche del modello selezionato.

È possibile accedere a questo editor facendo clic sul pulsante Modifica il modello presente in fondo alla finestra.

Opzioni

Nome

Questa casella di testo permette di modificare il nome del modello.

Icona

Facendo clic su quest'icona, si aprirà un elenco di icone con il quale sarà possibile sceglierne una da associare al nome del modello selezionato.

Dimensione immagine

Qui è possibile impostare la larghezza e altezza della nuova immagine. Le unità di misura predefinite sono in pixel ma è possibile passare ad altre unità di misura se lo si desidera, usando il menu associato. Notare che se si cambia unità di misura, la dimensione in pixel risultante sarà determinata dalla risoluzione X e Y (modificabile tramite le opzioni avanzate) e l'impostazione «punto per punto», impostabile tramite il menu Visualizza.

[Nota] Nota

È utile tenere a mente che ogni pixel di un'immagine viene immagazzinato in memoria. Se si crea file immagini molto grandi con un'alta densità di pixel, GIMP necessiterà di più tempo per ogni operazione effettuata sull'immagine.

Pulsanti di orientamento verticale e orizzontale

Questi pulsanti passano da una modalità di orientamento verticale all'altra orizzontale (portrait e landscape in inglese, ritratto e paesaggio). L'effetto pratico è quello di scambiare il valore di altezza con quello di larghezza. Anche i valori di risoluzione di X e di Y, presenti nelle opzioni avanzate, verranno scambiati. Sulla destra sono mostrati i valori di dimensione, risoluzione e spazio colore dell'immagine.

Opzioni avanzate

Figura 15.73. Il pannello «opzioni avanzate»

Il pannello opzioni avanzate


Queste sono opzioni che sono di interesse soprattutto per gli utenti avanzati.

Risoluzione X e Y

Questi valori entrano in gioco principalmente in relazione con la stampa: non modificano la dimensione in pixel dell'immagine ma ne determinano la dimensione durante la stampa. Essi possono anche interessare la modalità di visualizzazione sul monitor: se l'opzione «Punto per punto» non è abilitata nel menu Visualizza, allora se lo zoom è impostato su 100%, GIMP tenterà di visualizzare l'immagine sullo schermo alla dimensione fisica corretta, come calcolato tramite le dimensioni in pixel e la risoluzione. Il monitor potrebbe però non essere accurato, a meno che questo non sia stato calibrato. Quest'operazione può essere effettuata sia all'installazione di GIMP che dalla Scheda visualizzazione della finestra delle preferenze.

Spazio colore

La nuova immagine creata può essere di tipo RGB o scala di grigi. Non è possibile creare direttamente un'immagine indicizzata tramite questo comando, ma non ci sono problemi a convertire successivamente l'immagine creata in indicizzata.

Riempi con

Si hanno quattro opzioni per la tinta unita che riempirà il livello di sfondo dell'immagine:

  • Colore di primo piano, come mostrato nel pannello degli strumenti.

  • Colore di sfondo, come mostrato nel pannello degli strumenti.

  • Bianco, è il colore più usato.

  • Trasparenza. Se si sceglie quest'opzione, allora il livello di sfondo nella nuova immagine sarà creata con un canale alfa.

Commenti

Qui è possibile scrivere un commento di descrizione. Il testo verrà allegato all'immagine come un «parassita», e verrà salvato con l'immagine in alcuni formati di file (ma non tutti).