8.46. Retinex

8.46.1. Panoramica

Figura 16.222. Esempio di «Retinex»

Esempio di Retinex

Immagine originale

Esempio di Retinex

Il filtro «Retinex» applicato. Si noti la comparsa di nuovi dettagli nell'angolo in alto a destra.


"Retinex" migliora la resa visiva di un'immagine quando le condizioni di illuminazione non sono buone. Mentre il nostro occhio può vedere i colori correttamente in condizioni di scarsa illuminazione, le macchine fotografiche e le videocamere hanno qualche difficoltà. L'algoritmo MSRCR (MultiScale Retinex with Color Restoration - Retinex MultiScala con Restauro del Colore) che è alla base del filtro "Retinex" si rifà al funzionamento dell'occhio per adattarsi a queste condizioni. "Retinex" è una contrazione dei termini retina e cortex.

Oltre che in fotografia digitale l'algoritmo Retinex è usato per rendere visibili informazioni nelle foto astronomiche e rivelare, in medicina, strutture debolmente visibili in lastre o scansioni a raggi X.

8.46.2. Attivazione del filtro

Questo filtro si trova nel menu della finestra immagine sotto ColoriMappatura tonaleRetinex....

8.46.3. Opzioni

Figura 16.223. Opzioni del filtro «Retinex»

Opzioni del filtro Retinex

Queste opzioni richiedono una conoscenza alla portata di matematici e esperti di immagine. Si consiglia l'utente occasionale di sperimentare per ottenere l'effetto migliore. Comunque, le seguenti spiegazioni possono aiutare lo sperimentatore di GIMP.

Livello

L'autore del filtro scrive sul suo sito [PLUGIN-RETINEX] quanto segue: «Per caratterizzare le variazioni di colore e l'illuminante, distinguiamo tra risposte del filtro (gaussiane) a scale diverse. Questo parametro permette di impostare come allocare i valori della scala tra la minima (sigma pari a 2) e la massima (sigma pari al valore della dimensione dell'immagine)»

Uniforme

Uniforme tende a trattare in maniera equilibrata sia le aree di bassa che di alta intensità.

Basso

Come regola empirica, basso «accende» le aree a bassa intensità presenti nell'immagine.

Alto

Alto tende a «nascondere» le aree a bassa intensità favorendo una resa migliore delle aree più chiare dell'immagine.

Scala

Determina la profondità della scala Retinex. Il valore minimo è 16, un valore che fornisce un filtraggio grossolano e non rifinito. Il valore massimo è 250. Il valore ottimale predefinito è 240.

Divisione scala

Determina il numero di iterazioni nel filtro multiscala Retinex. Il valore minimo richiesto e raccomandato è tre. Suddivisioni di scala di uno o due rimuovono l'aspetto multiscala e degradano in un filtraggio Retinex a scala singola. Un valore troppo alto tende a introdurre disturbi nell'immagine.

Dinamica

Poiché l'algoritmo MSR tende a rendere l'immagine più chiara questo cursore permette di regolare la contaminazione della saturazione dei colori attorno al nuovo colore medio. Un valore maggiore significa meno saturazione di colore. Questo parametro si deve necessariamente regolare per ottimizzare il risultato, dato che il suo effetto è estremamente dipendente dall'immagine.